No Woman, No Drive

Due giorni fa in Arabia è stata promossa una giornata contro il divieto che impedisce alle donne di guidare ed un attivista ha pubblicato su youtube un filmato ironico di sostegno alla causa rivisitando la canzone di Bob Marley “No woman no cry”.

Pubblicato su Uncategorized

Se lo stato è uomo

In Italia per ogni 100 donne che entrano nel mercato del lavoro si possono creare fino a 15 posti aggiuntivi nel settore dei servizi. L’ingresso nel mercato di 100 mila donne oggi inattive farebbe crescere il nostro PIL di 0,3 punti l’anno.
Maurizio Ferrera, ll fattore D

donne_lavoro_2Nonostante i numeri parlino chiaro e mostrino i vantaggi che una maggiore occupazione ed attività femminile apporterebbero all’economia, in Italia poco viene fatto per agevolare ed incentivare il lavoro delle donne.

L’Italia si conferma un paese con poche, se non assenti, politiche di welfare a supporto di donne con figli o con persone indigenti a carico comportando l’impossibilità di conciliare lavoro professionale e cura della famiglia e l’obbligo di rinunciare ad un lavoro.

Da un’analisi dell’Osservatorio sull’imprenditoria femminile curato dall’Ufficio studi di Confartigianato (che verra’ presentato alla 15a Convention di Donne Impresa Confartigianato, il movimento che rappresenta 365.000 imprenditrici artigiane, organizzata a Roma il 21 e 22 ottobre) emerge che la spesa pubblica per politiche di welfare a sostegno di donne con figli è inferiore del 39,3% rispetto alla media UE (20,3 miliardi, equivalente all’1,3% del Pil). Nel dettaglio, i numeri mostrano che:

  • la spesa pubblica per le politiche a sostegno delle nascite è del 26,6% inferiore alla media UE (3,1 miliardi)
  • la spesa pubblica per le politiche a sostegno della crescita dei bambini è del 51,2% inferiore alla media UE (3,1 miliardi), mentre quella per i giovani under 18 è del 51,5% sotto la media UE

Non sorprende quindi il costante calo delle nascite, influenzato anche da una delle crisi economiche più dure che l’Europa abbia mai affrontato, per l’esattezza la natalità infantile è diminuita del 7,3% dal 2001 al 2008. Come non sorprende il tasso di inattività femminile pari al 46,5%, ovvero quasi 1 donna su 2 è inattiva in media sul territorio nazionale con punte del 65% al sud.

In questo scenario lucubre, mancano programmi e riforme rivolti ad incentivare il lavoro femminile, quando invece la crisi economica poteva essere l’opportunità da cogliere al volo per mettere mano ad un sistema obsoleto e non linea con gli altri paesi europei che invece sfruttano le potenzialità dell’universo femminile.

Tagged with: , , , , , ,
Pubblicato su Economia e Lavoro, Il dibattito sulle donne, Pari Opportunita', Politica, Scritti da Lucia Palmerini, Società

Abbracciarsi un po’!

Salva un leone in fin di vita e quando lo reincontra è amore puro!

Tagged with: , ,
Pubblicato su Foto/Immagini

Quando i migranti disperati eravamo noi

“Quando sulle carrette del mare c’ eravamo noi”
di GIAN ANTONIO STELLA. Da Il Corriere della Sera, 26 Ottobre 2003

migrantiFurono tanti i naufragi di navi italiane, spesso fatte partire da armatori senza scrupoli. Come il “Principessa Mafalda“, che nel 1927 era ancora la nave ammiraglia della nostra Marina commerciale ma dopo avere scaricato in America del Sud migliaia e migliaia di poveretti in un via-vai incessante sulla rotta per Buenos Aires era ormai acciaccata. Le macchine non marciavano a dovere, quell’ 11 ottobre in cui, in ritardo proprio per il tentativo dei meccanici di sistemare i problemi, la nave partì da Genova. E dopo tre giorni si inoltrò nell’ Atlantico nonostante i motori nel Mediterraneo si fossero fermati otto volte. A Dakar, nuova sosta e nuove riparazioni, decisero di andare avanti lo stesso. Con la nave così piegata di lato «che i bicchieri si rovesciavano sui tavoli». Dio protesse quei poveretti fino alle coste brasiliane. Poi li abbandonò. Era il 25 ottobre. L’ asse porta-elica di sinistra si sfilò, la nave cominciò a imbarcare acqua, si scatenò il panico. Il capitano cercò per ore di mettere ordine nell’ evacuazione, revolver alla mano. Ma i passeggeri terrorizzati erano troppi, le scialuppe troppo poche. E tra le acque arrivarono subito sciami di squali bianchi. Morirono in 385. Ma il numero finì tre giorni dopo in un titolino in neretto corpo 7. A una colonna. I giornali di allora preferivano dare spazio alla retorica del comandante eroe che aveva voluto affondare con la nave. Che gli importava, di quei poveracci che fuggivano da un’ Italia che non aveva pane per loro? Più spaventosa ancora, vent’ anni prima, era stata la tragedia del “Sirio“, un vapore partito da Genova verso il Sudamerica. A bordo, dice la struggente canzone composta sulla catastrofe, «cantar si sentivano / tutti alegri del suo destin». Era il 4 agosto del 1906, il tempo era buono, il mare piatto, quando la nave si schiantò su uno scoglio a tre metri di profondità. I danni erano gravissimi ma l’ affondamento totale sarebbe avvenuto solo 16 giorni dopo. Avrebbero potuto salvarsi tutti. Ma l’ evacuazione fu così caotica e disperata che alla fine il bilancio, stilato dai Lloyd’ s, fu apocalittico: 292 morti. In realtà, pare che le vittime siano state ancora di più: tra le 440 e le 500. Per il “Sirio” e la “Principessa Mafalda” sì, ci fu una qualche attenzione: erano troppo grandi, quelle tragedie, per ignorarle. Ma tutta la nostra storia di emigranti è piena di naufragi che, come quelli che viviamo ai nostri giorni nel canale di Sicilia e che di rado finiscono sui giornali dei Paesi arabi o africani, sono stati rimossi. Come quello della “Ortigia“, cozzata il 24 novembre 1880 davanti alle coste argentine de la Plata con il mercantile “Long Joseph” e affondata con 249 poveretti. O del “Sudamerica“, che si inabissò nelle stesse acque nel gennaio 1888 con un carico di 80 anime. Lutti collettivi elaborati da migliaia di famiglie in silenzio. Senza che lo Stato, la politica, i giornali, la scuola, si facessero mai carico di piangere insieme tutta quella umanità inghiottita dalle acque.

Tagged with: , , , ,
Pubblicato su Esteri, Foto/Immagini, Immigrazione, Interni, Politica, Società

Figuraccia della Boldrini

Figuraccia del Presidente della Camera Laura Boldrini che non solo non si lascia consegnare il Tapiro d’Oro da Valerio Staffelli ma mostra poca coerenza tra idee e fatti. La Boldrini che conosciamo si auto-nomina paladina delle donne affrante e “moderne“, si indigna se altre donne mettono in mostra le loro grazie, si vergogna se una donna prepara la cena e si scaglia contro chi esercita la professione più antica del mondo. La Boldrini di oggi appare sui giornali casta e pudica, ha un consiglio per tutte, vuole essere l’esempio per noi giovani senza ideali.

Ma anche lei ha scheletri nell’armadio spolverati e mostrati da Striscia, di quando forse tentava il tutto per tutto ad ogni costo: la Boldrini della gavetta, del fare tutto ciò che è necessario per “diventare qualcuno“, anche lavorare contro le proprie idee (a casa mi hanno insegnato che si chiama prostituzione intellettuale, e che è ben più grave di quella fisica, ma magari mi sbaglio) la Boldrini del passato è una donna che si butta nel mercato della “mercificazione del corpo femminile” come lei stessa lo ha chiamato, che non si fa scrupoli a lavorare nel mondo della televisione, anzi è pionera del mostrare le grazie per sfondare con lo share.

Tutto lecito, ma almeno prenda il Tapiro con un sorriso invece di accusare Staffelli di non essere una persona per bene, proprio lui circondato e spinto da decine di agenti della sua sicurezza, in fondo “domandare è lecito e rispondere è cortesia” diceva mia nonna, donna che ha fatto l’Italia con il sudore del lavoro e si, devo ammetterlo, cucinava da Dio!

Tagged with: , , , , , ,
Pubblicato su Cultura, Economia e Lavoro, Foto/Immagini, Il dibattito sulle donne, Pari Opportunita', Scritti da Lucia Palmerini, Società

Sposarsi bambina

15 anni lui, Ahmed Soboh, 14 lei, Tala, si sono sposati il 24 Setttembre a Gaza.

Nei Territori palestinesi, Gaza compresa, l’età minima legale per contrarre matrimonio è 18 anni. Ciononostante, la legge civile viene frequentemente ignorata, seguendo le prescrizioni della sharia, la legge islamica. In Cisgiordania se ne segue l’interpretazione giordana, in base alla quale, per sposarsi, i ragazzi devono avere almeno 15 anni e le ragazze 16. A Gaza, invece, viene seguita l’interpretazione egiziana: 16 anni per i ragazzi e 17 per le ragazze. Con il permesso speciale di un tribunale, la soglia dell’età minima può non essere vincolante.

Nella-casa-della-sposa_gal_autore_12_col_portrait

Tagged with: , , ,
Pubblicato su Esteri, Foto/Immagini, Il dibattito sulle donne, Pari Opportunita', Società

Il video: la Costa Concordia si alza in 2 minuti

Tagged with: , , , ,
Pubblicato su Ambiente, Foto/Immagini, Interni

Il videomessaggio di Berlusconi

Pubblicato su Uncategorized

Dare è la migliore comunicazione

Lo spot di True Corporation, società di telecomunicazione tailandese,  che sta commuovendo il web.

Tagged with: , ,
Pubblicato su Cultura, Esteri, Foto/Immagini, Poesie, Società

Alzati e cammina

Finalmente ci siamo, la Concordia si rialza grazie all’impegno, alla forza di volontà, al lavoro. Definita un’impresa impossibile, un’impresa inutile, costosa, ed invece eccolo il gigante che lentamente si alza dall’acqua ed è pronto per essere rottamato.

 

concordia

Tagged with: , , , , , ,
Pubblicato su Ambiente, Foto/Immagini, Interni
About me

Classe 1984, nata e cresciuta a Roma, a Siena mi sono laureata in scienze economiche, sono stata con l’Erasmus in Germania, il Socrates in Francia, e con una Borsa di Studo negli USA a New York per seguire per 6 mesi il PhD in Economics; parlo italiano, inglese e tedesco, provo ad imparare l’arabo ed il portoghese.

L’Italia è il Paese in cui ho scelto di vivere per tutta la mia vita e che amo profondamente, anche se mi piacerebbe migliorarlo.

"E quest’Italia, un’Italia che c’è anche se viene zittita o irrisa o insultata, guai a chi me la tocca." (O. Fallaci)

Twitter
Follow luciapalmerini on Twitter

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Galleria Fotografica
Blog Stats
  • 69.019 hits
Paperblog
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: