L’ONU contro l’infibulazione

Finalmente le Nazioni Unite hanno messo al bando le mutilazioni genitali femminili, che i tecnici definiscono in sigla “mfg”, che molti chiamano in modo improprio “circoncisione delle bambine”.

Ieri a New York è stata approvata una risoluzione che mette al bando le mutilazioni genitali femminili, sebbene non sia ancora vincolante, la Risoluzione dell’Assemblea Generale è stata sostenuta da più di 100 paesi e adottata all’unanimità. Definisce la pratica della mutilazione come pericolosa ed una seria minaccia alla salute mentale, psicologica e sessuale delle donne e delle ragazze. Si rivolge ai 193 membri delle Nazioni Unite, al fine di condannare questa pratica e lanciare programmi educativi per sradicarla. Richiede con urgenza che tutti i paesi adottino una legislazione che proibisca la mutilazione genitale femminile e punisca chi la viola. Richiede di adottare tutte le misure necessarie affinché vengano avviati programmi di informazione ed educazione sul tema nei paesi dove questa viene ancora praticata.

Pubblicato su Cultura, Il dibattito sulle donne, Politica, Sanita' e Salute, Società

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

About me

Classe 1984, nata e cresciuta a Roma, a Siena mi sono laureata in scienze economiche, sono stata con l’Erasmus in Germania, il Socrates in Francia, e con una Borsa di Studo negli USA a New York per seguire per 6 mesi il PhD in Economics; parlo italiano, inglese e tedesco, provo ad imparare l’arabo ed il portoghese.

L’Italia è il Paese in cui ho scelto di vivere per tutta la mia vita e che amo profondamente, anche se mi piacerebbe migliorarlo.

"E quest’Italia, un’Italia che c’è anche se viene zittita o irrisa o insultata, guai a chi me la tocca." (O. Fallaci)

Twitter
Follow luciapalmerini on Twitter

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Galleria Fotografica
Altre foto
Blog Stats
  • 57,495 hits
Paperblog
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: