Fiona Apple: Niente tour, il mio cane sta morendo

Fiona Apple ha cancellato il suo tour in Sud America per poter restare accanto al suo cane che sta per morire. Sul suo profilo Facebook ha condiviso una lettera con il suo grido d’amore per il suo “cucciolo”.

«Sono le sei di pomeriggio di venerdì, e scrivo ad alcune centinaia di amici che ancora non ho incontrato. Scrivo per chiedervi di cambiare i vostri piani e di incontrarci tra un po’. Ecco perché.

Ho un cane, Janet, e da due anni è ammalata, con un tumore che riposa nel suo petto, e cresce lentamente. Ha quasi 14 anni adesso, l’ho presa che aveva solo 4 mesi. Allora io avevo 21 anni, ero ufficialmente un’adulta – e lei era la mia bambina. È un pitbull, ed è stata trovata a Echo Park con una corda attorno al collo e morsi sulle orecchie e sul muso. Era quella che usavano nei combattimenti tra cani per far arrabbiare gli altri contendenti. Ha quasi 14 anni e non l’ho mai vista lottare, mordere o persino ringhiare, quindi posso capire perché avessero scelto lei per questo ruolo orribile. È una pacifista.

Janet è stata una relazione costante nella mia vita adulta, è la verità. Abbiamo vissuto in tante case, e abbiamo fatto parte di alcune famiglie improvvisate, ma in realtà siamo sempre state solo noi due. Ha dormito nel letto con me, la sua testa sul cuscino, e ha accettato sul suo petto il mio viso isterico, in lacrime, con le sue zampe intorno a me, ogni volta che avevo il cuore o lo spirito spezzati, o che ero solo persa, e man mano che sono passati gli anni mi ha lasciato prendere il ruolo della bambina, mentre mi addormentavo con il suo mento sulla mia testa.

Era sotto il pianoforte quando scrivevo le canzoni, abbaiava ogni volta che cercavo di incidere qualcosa, ed era nello studio con me quando abbiamo registrato l’ultimo album. L’ultima volta che sono tornata a casa da un tour, era vivace come al solito, è abituata a stare lontano da me per poche settimane ogni 6 o 7 anni. Ha la malattia di Addison, che le rende pericoloso viaggiare perché ha bisogno di iniezioni regolari di idrocortisone, perché reagisce allo stress e all’eccitazione senza gli strumenti psicologici che salvano la maggior parte di noi dall’andare nel panico fino a morirne. Malgrado tutto questo, è sempre felice e giocherellona, e ha smesso di comportarsi come un cucciolo solo tre anni fa.

È la mia migliore amica e mia madre e mia figlia, la mia benefattrice, e quella che mi ha insegnato che cos’è l’amore. Non posso venire in Sud America. Non ora. Quando sono tornata dall’ultima tappa del mio tour americano, c’era una grande, grande differenza. Non fa nemmeno più le passeggiate. So che non è triste all’idea di invecchiare o morire. Gli animali hanno l’istinto di sopravvivenza, ma non un senso di mortalità o vanità. Ecco perché sono molto più presenti delle persone. Ma so che si sta avvicinando al momento in cui smetterà di essere un cane e, invece, sarà parte di tutto. Sarà nel vento, e nel terreno, nella neve, e in me, ovunque io vada.

Non posso lasciarla ora, per favore, capitemi. Se me ne vado di nuovo, ho paura che morirà e non avrò l’onore di cantare per lei mentre si addormenta, di accompagnarla. A volte mi servono 20 minuti a decidere quali calzini indossare quando vado a dormire. Ma questa decisione è stata immediata. Queste sono le scelte che facciamo, che definiscono ciò che siamo. Io non sarò la donna che mette la carriera davanti all’amore e all’amicizia. Sono la donna che resta a casa e cucina pesce per la mia più cara e vecchia amica. E che l’aiuta a essere comoda, e confortata, e sicura, e importante. Molti di noi in questi giorni temono la morte di una persona cara. È l’orribile verità della vita, che ci fa essere terrorizzati e soli.

Vorrei che potessimo apprezzare il tempo che ci rimane prima della fine. So che negli ultimi momenti avrò la più travolgente consapevolezza di lei, della sua vita e del mio amore per lei. Ho bisogno di fare l’impossibile per esserci. Perché quando morirà sarà l’esperienza più bella, più intensa, più significativa della mia vita. Così resto a casa, e la ascolto russare e rantolare, e rigirarsi nel respiro più paludoso e orribile che sia mai stato emanato da un angelo. E vi chiedo la vostra benedizione.

Ci vedremo.
Vi voglio bene,

Fiona»

Annunci
Tagged with: , , ,
Pubblicato su Cultura, Società

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

About me

Classe 1984, nata e cresciuta a Roma, a Siena mi sono laureata in scienze economiche, sono stata con l’Erasmus in Germania, il Socrates in Francia, e con una Borsa di Studo negli USA a New York per seguire per 6 mesi il PhD in Economics; parlo italiano, inglese e tedesco, provo ad imparare l’arabo ed il portoghese.

L’Italia è il Paese in cui ho scelto di vivere per tutta la mia vita e che amo profondamente, anche se mi piacerebbe migliorarlo.

"E quest’Italia, un’Italia che c’è anche se viene zittita o irrisa o insultata, guai a chi me la tocca." (O. Fallaci)

Twitter
Follow luciapalmerini on Twitter

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Galleria Fotografica
Blog Stats
  • 59,723 hits
Paperblog
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: