Fuoricorso “sfigati”, inutili e costosi

di LUCIA PALMERINI

Le parole del Viceministro del Lavoro Michel Martone sugli studenti hanno creato non poco scompiglio costringendolo anche a rettificare il messaggio per evitare troppe polemiche.

«Dobbiamo iniziare a dare nuovi messaggi culturali: dobbiamo dire ai nostri giovani che se non sei ancora laureato a 28 anni sei uno sfigato, se decidi di fare un istituto professionale sei bravo e che essere secchioni è bello, perché vuol dire che almeno hai fatto qualcosa».

 Eppure non posso che essere d’accordo con il nostro viceministro. I dati parlano chiaro ci si laurea sempre più in ritardo, gli istituti professionali vedono diminuire il numero di iscritti, e mentre i laureati (soprattutto quelli fuoricorso) restano disoccupati sono sempre maggiormente richiesti lavoratori specializzati in mestieri “manuali”.

Non esiste più la garanzia di un’occupazione per chi si laurea, specialmente se la tanto acclamata laurea si ottiene fuoricorso, senza conoscere una seconda lingua, senza aver mai vissuto un’esperienza all’estero e senza aver mai svolto un cosiddetto lavoretto per mantenersi. Inutile iscriversi ad un corso di laurea se si ha l’intenzione di laurearsi con calma. Genitori mettetevi l’anima in pace, un mondo di soli laureati non esiste da nessuna parte e non sarebbe sostenibile ed i tempi del posto fisso grazie alla laurea sono finiti da troppo tempo. Fossi stata al posto del viceministro avrei usato termini diversi, invece che sfigati, li definerei sicuramente inutili, costosi ed un peso per  la società.

Vengono invece premiati quei ragazzi che scelgono il mercato del lavoro da piccoli, che frequentano istituti professionali, che decidono magari contro la volontà dei genitori che li vorrebbero laureati di andare a lavorare, e che con faticosa gavetta riescono a crearsi la loro professione, a conquistarsi i loro clienti e la loro indipendenza.

Evitiamo polemiche sterili, le parole di Martone sono corrette ed evidenziano la realtà che ci corconda. Fuoricorso non lamentatevi se non trovate lavoro a 27-30-40 anni senza alcuna esperienza alle spalle ma magari una laurea in tasca, chi è causa del suo mal pianga se stesso.

Tagged with: , , , , , ,
Pubblicato su Cultura, Interni, Politica, Scritti da Lucia Palmerini, Scuola ed Universita', Società

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

About me

Classe 1984, nata e cresciuta a Roma, a Siena mi sono laureata in scienze economiche, sono stata con l’Erasmus in Germania, il Socrates in Francia, e con una Borsa di Studo negli USA a New York per seguire per 6 mesi il PhD in Economics; parlo italiano, inglese e tedesco, provo ad imparare l’arabo ed il portoghese.

L’Italia è il Paese in cui ho scelto di vivere per tutta la mia vita e che amo profondamente, anche se mi piacerebbe migliorarlo.

"E quest’Italia, un’Italia che c’è anche se viene zittita o irrisa o insultata, guai a chi me la tocca." (O. Fallaci)

Twitter
Follow luciapalmerini on Twitter

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Galleria Fotografica
Altre foto
Blog Stats
  • 57,901 hits
Paperblog
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: