Fate attenzione agli ombrelli rossi

Il Confronto sulle donne e la manifestazione del 13 Febbraio

di SUSANNA CURCI

Finalmente anche le sex workers hanno deciso di far sentire la loro voce in merito a quello scandalo mediatico e politico che sarà la manifestazione del 13 febbraio. Anche loro hanno deciso di dire “basta”, ma non certo nel senso inteso dal femminismo neocatecumenale made by Comencini & De Gregorio: questo gruppo di donne, contrarie non solo al moralismo bigotto espresso dalle organizzatrici della manifestazione, ma anche e sopratutto alla strumentalizzazione che ne è derivata da parte dei partiti allo scopo di mettere in difficoltà il governo Berlusconi, ha deciso di scendere in piazza contro ogni genere di ipocrisia.

Nel loro manifesto è possibile individuare i punti fondamentali della loro protesta: “ignorare la manifestazione”, dicono, “sarebbe una sconfitta”; perché è necessario “porre in rilievo che il vero problema non è Berlusconi, ma il modo in cui veniamo trattate nelle case e nella società”.  I volantini che porteranno in piazza, infatti, non riguarderanno solo “le violenze domestiche“, che stanno aumentando “di pari passo con i femminicidi”, ma anche “informazioni relative alla mancanza di donne” in tutti quei partiti  che “sbandiereranno la loro solidarietà” all’interno della manifestazione.

Per evidenziare la loro sostanziale differenza rispetto ad un gruppo che, pur dicendosi trasversale e senza alcun intento discriminatorio, nella realtà dei fatti non esiterebbe a scagliare la prima pietra nei confronti della Maria Maddalena di turno, hanno deciso di opporre al colore bianco della prima manifestazione un bel rosso scarlatto, da portare sui vestiti, sulle labbra, sugli ombrelli. Un bel rosso scarlatto per mostrare che la donna è anche corpo, e parte della sua dignità consiste anche e sopratutto nel disporne liberamente.

Io persevero nella mia decisione di non partecipare alla manifestazione, perché non la condivido nel modo più assoluto, però non posso esimermi dal dare un consiglio a tutte le donne che parteciperanno, a tutti gli uomini che sfileranno in piazza: fate attenzione agli ombrelli rossi.

8 febbraio 2011

Fonte: susanna.diebrucke.it

Tagged with: , , , , , ,
Pubblicato su Pari Opportunita', Società

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

About me

Classe 1984, nata e cresciuta a Roma, a Siena mi sono laureata in scienze economiche, sono stata con l’Erasmus in Germania, il Socrates in Francia, e con una Borsa di Studo negli USA a New York per seguire per 6 mesi il PhD in Economics; parlo italiano, inglese e tedesco, provo ad imparare l’arabo ed il portoghese.

L’Italia è il Paese in cui ho scelto di vivere per tutta la mia vita e che amo profondamente, anche se mi piacerebbe migliorarlo.

"E quest’Italia, un’Italia che c’è anche se viene zittita o irrisa o insultata, guai a chi me la tocca." (O. Fallaci)

Twitter
Follow luciapalmerini on Twitter

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Galleria Fotografica
Altre foto
Blog Stats
  • 57,901 hits
Paperblog
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: