«Lobbista» professione nascosta che dà lavoro a migliaia di italiani

di SERGIO NAVA

Esiste una professione, che dà lavoro a migliaia di italiani. Ma che – proprio in Italia, paradossalmente – risulta sconosciuta ai più. Quella del lobbista: “membro, attivista di una lobby” (fonte: dizionario Sabatini Coletti).

A Bruxelles, secondo dati di “Open Gate Italia” (azienda operante nel settore), risultano accreditati ben 1793 lobbisti italiani sui 4352 al lavoro nell’ambito europarlamentare. Oltre il 40% del totale. Sempre secondo la stessa organizzazione, nella Penisola il mercato del lobbying conta su un giro d’affari di soli 150 milioni di euro, contro i 3 miliardi degli Stati Uniti.
«Il lobbista è una figura professionale, che rappresenta presso le istituzioni gli interessi di un’industria, di un’azienda o di una Ong. Il lobbista aiuta i politici e i funzionari a comprendere le posizioni delle imprese su determinati dossier», spiega Sandra Alverà, 35enne “Manager Government Affairs” per la sede di Bruxelles di un’importante multinazionale giapponese. La storia di Sandra colpisce l’attenzione non solo per il tipo di lavoro che svolge, ma anche per la vicenda in sé. Tra la favola e l'”avventura”.

La svolta della vita arriva – inaspettatamente – una sera, quando Sandra, all’epoca 19enne, nonché fresca diplomata all’Istituto Alberghiero, si trova a prendere le ordinazioni al tavolo di una famiglia di americani, in un ristorante della sua Cortina D’Ampezzo. D’istinto, in uno stentato inglese, racconta loro quanto vorrebbe poter vivere un’esperienza in California. Con sua enorme sorpresa, la coppia le offre di partire, per lavorare come ragazza alla pari per la figlia sedicenne.

Sandra non ci pensa due volte: il mese dopo invia loro un fax con una sola parola, accompagnata dal punto esclamativo. «Arrivo!». A Los Angeles la sua vita cambia, prendendo una svolta inattesa: si iscrive al college, («negli Usa scoprii un sistema non fatto contro lo studente e imposto dall’alto come quello italiano, ma per lo studente»), concluso il quale opta per il rientro in Europa. Si trasferisce in Gran Bretagna, con destinazione l’Università di Bath, Facoltà di Sociologia. Trova persino il tempo di fare un’esperienza Erasmus a Bilbao. Una volta laureata, decide di iscriversi a un Master sull’Unione Europea, grazie a due borse di studio. In questi anni abbina sempre studio e lavoro, per potersi mantenere.

Nel 2003, a quasi dieci anni dall’espatrio, Sandra torna in Italia per cercare impiego, forte di un curriculum internazionale e qualificato. «Ad aspettarmi trovai il nulla», ricorda oggi, tuttora incredula. Le sue ricerche si concentrano su Roma, dove resta tre mesi: in una estate passata alla storia per le sue torride temperature, Sandra si imbatte in offerte di lavoro surreali. Colpa del caldo? Qualche impiego non retribuito, un lavoro come centralinista (!) in uno studio legale, e un contratto da 300 euro mensili, definiti come “rimborso spese”. «Forte della laurea e del master, del mio ottimo inglese e spagnolo, ero convinta che avrei “sfondato”. E invece sono loro che hanno “sfondato” me», ricorda tra l’ironico e l’amaro.
Questa esperienza la porta a una seconda, più drammatica considerazione: «Se in Italia non “conosci” nessuno, probabilmente devi andare all’estero. Il problema è che la “raccomandazione” – da noi – è un fenomeno estremamente vasto».

Sandra non si perde d’animo: comincia a inviare curricula all’estero. Viene presa per uno stage alla Commissione europea, a Bruxelles, da dove si dipana la sua successiva carriera. Ancora uno stage – poi trasformatosi in assunzione – presso un’associazione di Information & Communication Technology. Prima del salto verso la multinazionale giapponese, dove diviene lobbista.

«A Bruxelles ho fatto domanda di lavoro rispondendo a un annuncio. Mi hanno assunto, perché hanno saputo valorizzare il mio background e il mio profilo internazionale», sintetizza Sandra. Che conclude: «Adoro l’Italia e gli italiani, ma proprio non ci siamo. In 16 anni all’estero ho conosciuto un’orda di giovani connazionali brillanti. Ci si riuniva intorno a un piatto di pasta, a raccontarci quanto é bello il nostro Paese. A ridere e a piangere. Ma poi, quando si guardava fuori dalla finestra… era sempre un Paese che non era il nostro».

24 dicembre 2010

Fonte: www.ilsole24ore.com

Sergio Nava è il conduttore di “Giovani Talenti” – Radio 24 (sabato, ore 15-15.30 CET)

Advertisements
Pubblicato su Scuola ed Universita', Società

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

About me

Classe 1984, nata e cresciuta a Roma, a Siena mi sono laureata in scienze economiche, sono stata con l’Erasmus in Germania, il Socrates in Francia, e con una Borsa di Studo negli USA a New York per seguire per 6 mesi il PhD in Economics; parlo italiano, inglese e tedesco, provo ad imparare l’arabo ed il portoghese.

L’Italia è il Paese in cui ho scelto di vivere per tutta la mia vita e che amo profondamente, anche se mi piacerebbe migliorarlo.

"E quest’Italia, un’Italia che c’è anche se viene zittita o irrisa o insultata, guai a chi me la tocca." (O. Fallaci)

Twitter
Follow luciapalmerini on Twitter

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Galleria Fotografica
Altre foto
Blog Stats
  • 58,463 hits
Paperblog
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: