La saggia decisione del TAR della Lombardia sull’aborto

di LUCIA PALMERINI

La decisione del TAR della Lombardia di bocciare in toto la delibera della giunta regionale che rendeva più restrittive le normative riguardanti l’aborto ha riacceso i riflettori sul tema dell’aborto, della Ru486 e della Legge 194. Nuovamente vediamo apparire le solite farneticazioni “anti” o “pro” abortiste che contraddistinguono da sempre il dibattito. Farneticazioni perché chi parla sembra scordarsi totalmente che al centro dell’attenzione dovrebbe esserci la salute di un individuo e non un’ideologia politica o religiosa che sia, e sembra dimenticarsi la grande differenza scientifica e reale tra un essere umano e un ipotetico essere umano, al di là delle considerazioni personali.

 

Scientificamente un embrione si forma attraverso l’unione di una coppia qualsiasi ovulo-spermatozoo, ed un qualunque embrione contiene le stesse informazioni, necessarie per la formazione di un nuovo esemplare, che sono contenute nello spematozoo e nell’ovulo che lo compongono presi singolarmente, ovvero non ancora uniti. Quindi la formazione dell’embrione non apporta nulla di nuovo, ma è solo un passaggio scientifico necessario e, per essere più chiari, una qualsiasi coppia ovulo-spermatozoo ha la stessa “dignità” biologica dell’embrione, nel senso che è ad esso biologicamente equipollente. Se un embrione, in virtù delle informazioni che racchiude, venisse definito “persona”, dovrebbero godere dello stesso diritto anche tutti gli ovuli e gli spermatozoi, con la conseguente confusione e mortificazione del concetto di persona. In virtù di tale evidenza scientifica, nel 1975 una sentenza della Corte Costituzionale stabiliva finalmente la «differenza» tra un embrione e un essere umano, e sanciva la prevalenza della salute della madre rispetto alla vita del nascituro. Il 22 maggio del ’78 venne approvata la legge 194, con la quale veniva riconosciuto il diritto di abortire.

 

Purtroppo l’evidenza scientifica viene spesso scordata e messa in secondo piano rispetto ad ideologie, superstizioni e religioni, e ci troviamo di fronte a dibattiti medievali che eviteremmo volentieri. Così capita che l’introduzione di una metodologia di aborto non invasiva e decisamente più economica per lo stato come la RU486 venga attaccata proprio in ragione dell’eliminazione della sofferenza fisica, poichè tale procedura ha il grande vantaggio di impedire l’ospedalizzazione della donna e il conseguente intervento chirurgico. Non solo, ma vengono anche inventati sedicenti rischi immediamente smentiti dall’evidenza scientifica e si creano commissioni d’inchiesta ad hoc per limitarne ed evitarne l’applicazione.

 

Un altro metodo adottato per evitare l’applicazione della RU486 e per limitare il diritto di aborto è stata la creazione di linee guida regionali che impediscono, ritardano o rendono impossibile l’impiego della RU486 e della Legge 194, così come è accaduto per il Lazio o per la Lombardia. La sentenza del TAR ha riportato la situazione in Lombardia alla normalità, evitando “regimi speciali” rispetto al resto d’Italia per le donne che volessero ricorrere all’interruzione volontaria di gravidanza oltre i primi 90 giorni in caso di grave pericolo per la loro salute fisica o psichica.

Le linee guida della Lombardia, infatti, consideravano il feto come persona matura in grado di condurre vita autonoma dopo 22 settimane e 3 giorni, mentre la 194 prevede che ad accertarlo fossero i medici caso per caso. Tale distinzione è di vitale importanza perchè quando sussiste “la possibilità di vita autonoma del feto”, l’art.7 della 194 obbliga “il medico che segue l’intervento ad adottare ogni misura idonea a salvaguardare la vita del feto”.

 

Tali linee guida erano un pericoloso precedente per la salvaguardia del diritto di interruzione volontaria di gravidanza e per la salute della donne, ed il TAR ha intelligentemente riportato alla normalità una regione la cui decisione sembrava ispirata più da fondamentalismo religioso e politico che non dal bene del cittadino, in questo caso della donna.

5 gennaio 2011

Fonte: www.diebrucke.it

Advertisements
Tagged with: , , , , , , ,
Pubblicato su Pari Opportunita', Sanita' e Salute, Scritti da Lucia Palmerini, Società
One comment on “La saggia decisione del TAR della Lombardia sull’aborto
  1. Emanuele Di Felice ha detto:

    “Se un embrione, in virtù delle informazioni che racchiude, venisse definito “persona”, dovrebbero godere dello stesso diritto anche tutti gli ovuli e gli spermatozoi”,FALSO:i gameti hanno lo stesso patrimonio genetico degli organismi che li secernono,gli embrioni hanno un patrimonio genetico NUOVO e DIVERSO da quello del M e della F,e “apportano QUALCUNO di nuovo”.Che vive(alterando anche le funzioni fisiologiche materne,avendo dei “propri interessi”) nel grembo materno,ma essendo diverso, non appartiene nè alla madre e nè al padre.Sarà anche una visione BIOLOGISTA e riduzionista,ma laicamente mi sai indicare,quale altra dimensione appartiene all’homo sapiens?.Se l’aborto garantisce la disponibilità(disponibile può essere solo QUALCOSA),quando avviene il passaggio da qualcosa a QUALCUNO(non disponibile)?
    La “scelta” della donna fa in modo che cambi lo status del nascituro?la donna disse(dice) e il bambino fu(è)?
    “la legge 194, con la quale veniva riconosciuto il diritto di abortire”.FALSO:
    la legge 194 non parla di “diritto”,ma depenalizza l’aborto.Un diritto è quando viene riconosciuta una LEGITTIMITA’,in questo caso si parla di DEPENALIZZAZIONE(essendoci anche molte restrizioni)Con la 194 si voleva evitare un male maggiore,cioè l’aborto clandestino.Casomai di “diritto” de facto ma non de jure.
    Le donne che sono costrette ad abortire(perché sole,senza soldi,problemi psichici etc.) esercitano un diritto?E perché non si parla mai(ne lo si difende) del SIMMETRICO diritto di NON abortire?E cercando di rendere possibile questa scelta.
    L’idea dell’aborto come diritto nasce dagli slogan vetero-femministi come:”ogni coito è uno stupro”,in questo caso l’aborto sarebbe un diritto in quanto una donna è(nell’eventualità che ciò accada)incinta non per sua scelta.
    Visto che gli uomini sono stati educati a star lontano dai figli come dalla peste,e sono notoriamente irresponsabili,la 194 è il più grande regalo per gli uomini,i quali non ne pagano neanche il prezzo!!!liberi a costo zero,tanto pagano le donne!!
    “le donne che volessero ricorrere all’interruzione volontaria di gravidanza oltre i primi 90 giorni in caso di grave pericolo per la loro salute fisica o psichica”.FALSO: dopo i 90 giorni si parla di aborto terapeutico non di i.v.g.,in quanto è il medico che deve accertare l’incompatibilità della continuazione della gravidanza con la salute della donna.

    P.S.A proposito di medioevo,le streghe spesso erano le donne che praticavano gli aborti(che erano clandestini),e proprio contro le neo-streghe(mammane)che la 194 è stata introdotta!!!!

    Vedi anche le mie repliche alle tue.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

About me

Classe 1984, nata e cresciuta a Roma, a Siena mi sono laureata in scienze economiche, sono stata con l’Erasmus in Germania, il Socrates in Francia, e con una Borsa di Studo negli USA a New York per seguire per 6 mesi il PhD in Economics; parlo italiano, inglese e tedesco, provo ad imparare l’arabo ed il portoghese.

L’Italia è il Paese in cui ho scelto di vivere per tutta la mia vita e che amo profondamente, anche se mi piacerebbe migliorarlo.

"E quest’Italia, un’Italia che c’è anche se viene zittita o irrisa o insultata, guai a chi me la tocca." (O. Fallaci)

Twitter
Follow luciapalmerini on Twitter

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Galleria Fotografica
Altre foto
Blog Stats
  • 58,493 hits
Paperblog
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: