Previsioni del Tempo

di LUCIA PALMERINI

L’autunno, che si prevede caldo, segue un agosto caldo ed un inverno e primavera torridi. Lette cosi’ queste poche parole sembrerebbero una nota metereologica, ma in realta’ non si riferiscono alle temperature stagionali ma a quelle ben piu’ interessanti del termometro politico.

Dino Boffo, ex direttore di Avvenire

Dino Boffo, ex direttore di Avvenire

Agosto e l’estate sono stati scaldati dal tema immigrati e dalle esternazioni strampalate della lega su dialetti e nordismo, forse dovuti al caldo vero, quello del solleone che ci ha regalato una delle estati piu’ calde, metereologicamente parlando, della storia. La primavera e l’inverno sono state invece surriscaldate dal Noemi-gate che ha dato origine al divorzio di Berlusconi, alle indagini su droga, prostituzione e appalti illegali in Puglia con coinvogimento sia della destra che della sinistra, perche’ e’ noto il motto: “Dove si mangia e si mangiuca Iddio ci conduca”. Inoltre in virtu’ dei tagli alla scuola e universita’ si preannuncia un autunno infuocato con studenti ed insegnanti pronti a dare battaglia contro quella che loro definiscono la morte dell’istruzione pubblica di qualita’. A tutto si aggiungono le note vicende personali di Berlusconi, che rese piu’ interessanti dagli altri protagonisti in particolare con le dichiarazioni della escort Patrizia D’Addario, hanno avuto la prima pagina di numerosi giornali negli ultimi 9 mesi.

Il premier si e’ trovato a difendere la sua immagine scalfita dalle accuse di prostituzione e droga, ha dovuto fronteggiare l’invasione della sua privacy con le note intrusioni di vari fotografi nella sua casa ed i giornalisti internazionali che hanno tenuto alta l’attenzione sulle sue vicende personali ed imbarazzanti; inoltre i problemi del paese, come le case per i terremotati, gli impegni istituzionali ed i problemi privati lo hanno visto costretto ad un tour de force.

Il premier, forse consigliato male, ha deciso di querelare la Repubblica e l’Unita’ scordandosi l’Art. 21 della Costituzione che cita: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.” Poteva fare finta di niente, ribattere o rispondere ed invece ha preferito avviare una procedura legale per preservare l’immagine di uomo forte e battagliero con l’unico risultato di mostrarsi ancora una volta poco democratico e tirando quel gia’ sottilissimo filo che alla fine potrebbe spezzarsi.

A tutto cio’ si aggiunge l’utima vicenda della catena, il caso Boffo sollevato da Feltri direttore de il Giornale, e affrontatato in maniera grossolana dalla stampa. Non ritengo che sia stato un attacco alla liberta’ di stampa, anzi credo che sia la dimostrazione di quanto ancora la stampa sia libera ed allo stesso tempo fragile. Boffo direttore di Avvenire e’ stato giudicato colpevole di molestie sessuali poco piu’ di 5 anni fa con sentenza pubblica ai danni della moglie del suo amante. Lo stesso Boffo nei mesi scorsi ha attaccato ripetutamente Berlusconi dalle colonne del suo giornale per la sua condotta poco morale e poco cristiana.

Milena Gabanelli

Milena Gabanelli

Feltri direttore di avvenire ha reso pubblica tale sentenza chiedendosi come mai una persona che poco tempo fa e’ stata accusata di molestie sessuali e che sarebbe gay parla di morale cristiana. Feltri non ha parlato dei diritti dei gay, per me sacrosanti, o del diritto di opinione, ma si e’ semplicemente chiesto come potesse una persona accusata di molestie sessuali e forse gay assumersi l’incarico di giudice morale cristiano, visto che la Chiesa e’ contraria ai diritti degli omosessuali e predica l’austerita’.

Non credo che l’articolo di Feltri abbia violato la privacy, come invece gridano Avvenire, la Chiesa e la sinistra. Credo sia legittimo e necessario per la credibilita’ della stampa conoscere la vera integrita’ morale di chi pronuncia giudizi morali. E mi chiedo perche’ si definisce legittima l’intrusione che e’ stata fatta nella vita di Silvio Berlusconi con foto illegali e si definisce illegittima la pubblicazione di una sentenza pubblica. Perche’ se legittimo e’ riportare fatti di cronaca tra cui l’uso di escort e festini con minorenni, o la condanna di corruzione o molestie sessuali, diventa illegittimo dare giudizi di moralita’ o sentenze di vita o di morte, spetta solo al lettore e,o all’elettore stabilire la validita’ di un atteggiamento.

Credo che parte dei giornalisti abbiano perso di vista l’oggetto del loro lavoro, cioe’ investigare,dare notizie ed informare il lettore e non educare o stilare sentenze, per quello ci sono le famiglie, le scuole ed i tribunali.

L’autunno che gia si preannuncia caldissimo sara’ infernale se la stampa stessa non riprendera’ a fare il suo lavoro di informazione imparziale, lavoro che in passato veniva fatto egregiamente da tanti, uno su tutti Enzo Biagi, mentre ora tra i giornalisti modello troviamo solo Milena Gabanelli e pochi altri.

Annunci
Pubblicato su Interni, Politica, Scritti da Lucia Palmerini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

About me

Classe 1984, nata e cresciuta a Roma, a Siena mi sono laureata in scienze economiche, sono stata con l’Erasmus in Germania, il Socrates in Francia, e con una Borsa di Studo negli USA a New York per seguire per 6 mesi il PhD in Economics; parlo italiano, inglese e tedesco, provo ad imparare l’arabo ed il portoghese.

L’Italia è il Paese in cui ho scelto di vivere per tutta la mia vita e che amo profondamente, anche se mi piacerebbe migliorarlo.

"E quest’Italia, un’Italia che c’è anche se viene zittita o irrisa o insultata, guai a chi me la tocca." (O. Fallaci)

Twitter
Follow luciapalmerini on Twitter

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Galleria Fotografica
Blog Stats
  • 61,235 hits
Paperblog
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: